Dostoevskij: l’occhio e il segno

Nel saggio Dostoevskij: l’occhio e il segno, (Rubbettino 2003) Claudia Olivieri, slavista e ricercatrice,  indaga con estrema accuratezza la visualità dostoevskiana e cioè quel ricchissimo rapporto tra l’arte e Dostoevskij che  viene dalla stessa suddiviso in tre ambiti:  Dostoevskij oggetto d’arteDostoevskij soggetto d’arte l’arte soggettivizzata di Dostoevskij.

La novità di questo interessante lavoro sta nell’aver intrecciato queste dimensioni che erano già state affrontate, ma separatamente ad esempio da  Grossmann, D’amelia e da Baršt di cui è stata peraltro traduttrice. La studiosa attinge per il suo studio alla Polnoe sobranje  (opera completa di tutti gli scritti dostoevskiani comprensivi di manoscritti, taccuini, appunti, schizzi e calligrafie,  anticipando la recente pubblicazione di DISEGNI E CALLIGRAFIA DI FEDOR DOSTOEVSKIJ di Konstantin  Baršt per la casa editrice Lemma press.

Ispirata dal concetto di aura benjaminiana , Olivieri parte dall’ analisi di uno dei ritratti più noti dello scrittore F.M Dostoevskij e cioè quello realizzato da  Perov, oggi conservato presso la galleria Tret’jakov, dal nome del  mercante moscovita che commissionò  al pittore il dipinto.

 

Ricorda Anna Snitkina, utlima moglie di Dostoevskij che Perov  fece posare per una settimana intera Dostoevskij prima di cogliere quell’espressione che  ritrae “ l’attimo in cui mio marito crea” . Le mani , insieme al corpo si chiudono in una sorta di cerchio che l’autrice inquadra come metafora della ciroclarità dei temi dostoevskiani che proprio attraverso il rimando a opere pittoriche si delineano come ricorrenti . Altro esempio, il ritratto o autoritratto che si legge in Bobok, racconto che appare nel Diario di uno scrittore  del in cui si legge “ penso che il pittore mi abbia ritratto non per amore della letteratura ma per i due porri simmetrici che ho sulla fronte” […] questo lo chiamano realismo.

Qui, come altrove e specie nel racconto il fanciullo presso Gesù, viene enunciata , apptraverso il riferimento alla propria immagine, la partcolare concezione del realismo  dostoevskiano, per nulla mimetico o strettamente  obbediente ai principi della “scuola naturale” .

Basti pensare alle implicazioni teologico-estetiche che innescano i quadri di Lorrain, di Hans holbein e di Raffaello  nei romanzi I demonî , l’Idiota sul tema della fede, dell’armonia universale, del “secolo d’oro” e dell’utopia del rinnovamento. (per un maggiore approfondimento sul tema  si rimanda al  seguente contributo     /ICONA_VS_QUADRO_IL_DUALISMO_VISUALE_DELLEKPHRASIS_DOSTOEVSKIANA

Un cerchio perfetto  che dimostra quanto Dostoevskij considerasse importante l’immagine artistica e come intrecciasse le idee dei personaggi  di rimandi visuali al punto da affermare  che “pensasse per immagini”:  il pensiero insomma  si compendiava di immagini che l’autore attingeva dalla sua cultura figurativa,  (la pittura russa a lui contemporanea) , da  immagini che rielaborava nei romanzi e nel terzo caso da immagini inventate  come quella di Cristo  che Nastasja Filippovna tratteggia nella sua visione nel romanzo L’Idiota:

Immaginai un quadro. Gli artisti dipingono sempre Cristo secondo le narrazioni evangeliche. Io lo dipingerei altrimenti: Lo dipingerei  altrimenti […]  Lo rappresenterei solo giacchè a voltei discepoli lo lasciavano solo.  Non lascerei con lui che un bambino

Il terzo capitolo, interessantissimo, analizza un altro aspetto altrettanto fondamentale:  tutti i contributi grafici, disegni calligrafie, schizzi che Dostoevskij appuntava in fogli e taccuini e nelle bozze dei romanzi.

Questi segni grafici, o motivi ornamentali (krestocvet) lungi dall’essere degli sfoghi casuali, sono  delle vere e proprie scritture disegnate con le quali “l’autore sopperiva alla limitatezza  della parola non solo  mentre raffinava, nei suoi appunti, la configurazione verbale di un’idea artistica, ma anche nel privato”.  Seguendo la suggestione di Baršt , la Olivieri daga allora con particolare attenzione le calligrafie “goticheggianti “ di Dostoevskij  questi disegni incompleti, che talvolta tratteggiano cattedrali, figure oblunghe, sono da leggere nel senso di una metafora visiva o metonimia, in quanto rappresentano un tratto dell’ideale estetico di Dostoevskij che egli individuava  nella triade  bellezza-bene- verità . Si trovano così finestre ad ogive, archi svettanti,  che rappresentavano un mondo eticamente completo, mentre il caos, la deformità era rappresentata dall’architettura di  San Pietroburgo, spesso richiamata nei romanzi come luogo labirintico, di “straniamento” e perdizione, valga su tutti il cammino di Raskol’nikov tra i vicoli pietroburghesi mentre prende corpo il suo delirio mentale.

È interessante che Dostoevskij proceda però a una “russificazione “ del gotico, rifacendosi alla forma della cipolla delle chiese ortodosse .

Le tabelle conclusive, di cui si riporta una delle più significative, servono a mostrare gli esempi di grafia prima citati: Il documento da parte dei materiali preparatori di Delitto e Castigo

Sono visibili le calligrafie: la scritta Napoleone (l’ideale  di uomo di Raskol’nikov) , scritto con diverse grafie  e con caratteri latini, , “Svidrigajlov”, (uno dei personaggi più  ripugnanti del romanzo),  Sonja, la prostituta che salverà Raskol’nikov .  Il ritratto invece è quello di Napoleone III, appena abbozzato, tutti personaggi che confluiranno nel romanzo.

 

Claudia Olivieri

Claudia Olivieri è ricercatrice (SSD L-LIN/21, Slavistica) presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università degli Studi di Catania, dove insegna lingua, traduzione e letteratura russa. Si è occupata di letteratura russa dell’800 (Dostoevskij, Somov), dei rapporti cinematografici tra Russia/URSS e Italia (sui quali ha recentemente co-curato con Olga Strada il volume Italia-Russia. Un secolo di cinema, a cura di O. Strada e C. Olivieri, Mosca, ABCDesign, 2020, patrocinato dall’Ambasciata di Italia a Mosca) e delle coproduzioni filmiche italo-sovietiche (in particolare della pellicola Italiani brava gente e del documentario Russia sotto inchiesta). Oggi si interessa di letteratura, cultura, società russa contemporanea: ha approfondito in numerosi saggi la produzione di Vladimir Sorokin, ha trattato il rapporto tra cinema e nostalgia nella monografia Cinema russo da oggi a ieri, Roma, Lithos, 2015Su Dostoevskij ha pubblicato una monografia (C. Olivieri, Dostoevskij l’occhio e il segno, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2003) e diversi contributi in italiano e in russo (si vedano ad esempio: C. Olivieri, Dostoevskij v Italii: stoletie kriticheskoj mysli // Dostoevskij i XX vek [a cura di T.A. Kasatkina], Moskva, IMLI RAN, pp. 553-566, 2007, C. Olivieri, Da una casa di morti, EUROPA ORIENTALIS, vol. XXIII/ 2004-1, pp. 251-266, 2005

 

 

 

298 comments

  1. percadve says:

    period, if this period is exceeded ‘informer’ information of the application will be reported to the authorities.
    ■ License creation is not supported for users without installed Java to avoid a full blown Java security dialog each time an application needs to find out what the current java version and other system information is. On the other hand a workaround is to define a special user and disable java on that user.
    ■ Any usable license cannot have a value of $0, so that one https://mindslugefog.weebly.com

    6add127376 percadve

  2. gerfer says:

    Videoskin is a software utility that enables you to customize your desktop appearance.
    Videoskin allows you to change your Windows interface to a set of skins. You can add several skins to your system and switch between them with ease.
    Videoskin is not a new application. Indeed, over the past few years, it has been consistently improved, and it now provides a pretty good set of features that will never let you down.
    The introduction of the application is almost intuitive. http://www.stairsociety.org/?URL=https://feirebditag.weebly.com

    6add127376 gerfer

  3. davvyda says:

    However, this tool is purely for Chrome, so you better make sure you have this handy app installed, and once again, it won’t interfere with the regular functionality of the browser. This edition is available for 25$ a year, which is a bit much for something you should use for just a couple of months.

    A need for a more efficient way of managing your Gmail account leads to Google Apps for Enterprise, a package which combines the essential features of Gmail and Google Hang https://cse.google.by/url?sa=i&url=https://cumendigat.weebly.com

    6add127376 davvyda

  4. wadwyna says:

    Users can also conveniently remove locked DLLs and processes by pressing the yellow! button and selecting “Remove DLLs or processes” from the context menu.
    Key features:
    Sort files by name or size
    Lock files and folders and keep track of files that are currently locked
    Enable or disable background tasks
    Drag and drop files to the program window and easily unlock them
    Manage Apps
    Search the Internet and select the process name
    Search through the file system to locate locked files https://tiodolsoni.weebly.com

    6add127376 wadwyna

  5. ellfryt says:

    Integrated whole system file migration with complete file archiving

    The data migration procedure is performed automatically for RapidShare members who decide to migrate to RapidDrive from a previous version of RapidShare Pro.
    Between the beginning of the transfer process and when the migration has been completed, files in the old storage and new rapid drive are automatically archived.
    If however, the data transfer is interrupted (for example by no internet connection or data errors), the user is offered to perform manual file transfers http://webserver3.crete.com.tw/newindex/window.asp?linkname=%E5%AE%A2%E6%9C%8D%E5%B0%88%E5%8D%80&link=https://horthimbtoolscu.weebly.com

    6add127376 ellfryt

  6. orsomar says:

    Features

    Maximizes available disk space

    Supports both cd and set

    Maintains environment even after restarting the operating system

    Comes with the ability to modify environment variables

    Supports both 32-bit and 64-bit versions

    Manages and maintains temporary batch file

    Comes with an option to append file name through a predefined command string

    Append file name to a predefined command string

    Allows the user to select https://boffosare.weebly.com

    6add127376 orsomar

  7. shajave says:

    Like it or love it, one thing is for certain, Microsoft Office 365 is the office solution of the future. Whether you like it or not, you are now unable to go without this powerful software. Putting its extensive capabilities and functions aside, these are 4 key reasons why you absolutely need to purchase it.
    Firewall Checkup
    Microsoft’s cloud computing solution includes your inbox, calendar, contacts, emails, and everything else provided by the cloud as a unified inbox. This eliminates the https://vaiprovhighten.weebly.com

    6add127376 shajave

  8. eilwwind says:

    What do you think about Desktop Patrol?

    Latest News

    An ancient, time-travelling, planet-punching super-mega-galactic-weapon-of-wonder is about to be unleashed upon our unsuspecting planet, and it just so happens to be too big to save, along with 1.7984 quadrillion trilion cat videos.

    Your last.fm page is no longer showing songs you recently listened to, while it does not explain http://cse.google.com.sv/url?sa=t&url=https://braheshipti.weebly.com

    6add127376 eilwwind

  9. helagra says:

    NeverLost is vendor to the PCEngines Pocket PC, and will also run on any PC with USB 2.0 or USB 1.1 ports.
    Try NeverLost free for 30 days, and if you like it, you can buy NeverLost PRO for only $29.95.
    Try NeverLost PRO free for 30 days, and if you like it, you can buy NeverLost PRO for only $19.95.”

    “NeverSink is the best software available https://manutilil.weebly.com

    6add127376 helagra

  10. odepali says:

    SqlSend first start screen

    SqlSend works when your SQL server and ODBC data source are configured and the application is logged. SqlSend lets you either create a database to store the messages, or use the one already created by the application when logging.

    SqlSend – Asks who to contact

    If you do not want a single location for the messages, you can choose to choose the contacts that you want to receive them, for instance, users https://www.manxinet.com/wp-content/themes/begin/inc/go.php?url=https://quiforteti.weebly.com

    6add127376 odepali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.